Anonimo sec. XII/ XIII, Motivo decorativo fitomorfo con foglie d'acanto

  • Università di Pisa. Dipartimento di Storia delle Arti , Pisa - San Michele degli Scalzi - capitello
    Università di Pisa. Dipartimento di Storia delle Arti , Pisa - San Michele degli Scalzi - capitello
  • Università di Pisa. Dipartimento di Storia delle Arti , Pisa - San Michele degli Scalzi - capitello
    Università di Pisa. Dipartimento di Storia delle Arti , Pisa - San Michele degli Scalzi - capitello

CODICI / CLASSIFICAZIONE

Numero scheda

915

Serie

Arte medievale

Busta

11. Scultura e architettura medievale. Topografico: Italia - Toscana - Pisa

Fascicolo

Pisa: San Michele degli Scalzi

OGGETTO

Definizione

capitello di colonna

Dati tecnici

granito, marmo

AUTORE

Dati anagrafici

sec. XII/ XIII

Motivazione dell'attribuzione

bibliografia

Ambito culturale

Scuola italiana, scuola toscana

Datazione

Estremi cronologici

300 ca.  - 499 ca. 

LOCALIZZAZIONI

Ultima rilevata

Chiesa di S. Michele degli Scalzi, Pisa (Toscana, Italia)

ANNOTAZIONI

Osservazioni

La chiesa, documentata già dal 1025 anche se l'edificio attuale con l'annesso convento appartenuto ai monaci Pulsanesi risale al XII sec., presenta la tipica struttura absidata a tre navate divise da colonne con capitelli anche di spoglio di epoca romana. La facciata, a doppio spiovente con il corpo centrale rialzato, è rivestita in marmo nella parte inferiore; nel portale la copia del "Cristo benedicente" (l'originale è conservato presso il Museo Nazionale di San Matteo) e le marmoree "Gerarchie angeliche" di fattura bizantina risalenti al 1203. Il campanile in pietra e laterizio si caratterizza per la sua decorazione a bacini ceramici islamici del XII secolo.
Il capitello in esame poggia su una colonna composta di due segmenti di materiale diverso fra cui il granito. Provvisto di collarino e di una base a varie modanature, è sormontato da un abaco decorato a foglie appuntite dalla nervatura centrale. L'apparato decorativo prevede oltre le foglie d'acanto spinoso (poste ad angolo) anche dei girali fogliati uniti da un anello e includenti corolle pentalobate; in alto, piccoli elementi fitomorfi. L'opera di reimpiego risulta mutilato alla base. La documentazione fotografica risale al 1968 circa, data di inizio lavori di restauro volti a recuperare quanto distrutto dai bombardamenti della seconda guerra mondiale.
Bibliografia specifica:
C. Roccasalva, La chiesa di San Michele degli Scalzi in Orticaia, tesi di laurea, 2000, Pisa, p. 87, f. 33; M. R. Masetti, Committenza Pulsanese in Toscana nei secoli XII - XIII: primi risultati di un'indagine, estratto da Storia dell'Arte, 1984, Firenze, n° 44; L. Pera, L'architettura minore del periodo romanico in Pisa. Le chiese di S. Frediano e di S. Michele degli Scalzi, Roma 1954.

FOTO RELATIVE